Viaggiare con il vostro gatto

ALCUNE REGOLE BASE PER VIAGGIARE SENZA PROBLEMI CON IL VOSTRO GATTO

Il senso della ricerca sta nel cammino fatto e non nella meta; il fine del viaggiare è il viaggiare stesso e non l’arrivare. (Tiziano Terzani)

Il giorno che avete deciso di adottare un gatto, pensavate fosse un grande cambiamento, ma probabilmente non ne immaginavate la portata.

Prendersi cura di un gatto, in effetti, non è cosa semplice, ma come si suol dire, l’amore smuove anche le montagne.

Uno dei piu grandi sacrifici che dovrete affrontare è quando deciderete di farvi una bella e meritata vacanza, perché, a meno che non abbiate la fortuna di affidare il vostro piccolo amico a qualcuno, dovrete neccesariamente portarlo con voi.

Ecco allora alcuni consigli utili da seguire per il vostro viaggio.

Viaggio in auto: Prima di tutto, non dimenticate di far abituare il vostro gatto al trasportino, prima ancora di mettersi in viaggio, perché una volta in moto, egli deve necessariamente restare chiuso nella sua gabbietta.

Inoltre, sarebbe meglio coprire in parte il contenitore per tranquillizzare l’animale e fare attenzione a non lasciarlo solo in auto per lungo tempo. Spruzzare del Feliway nell’abitacolo 20-25 minuti prima di partire può essere un bel consiglio per aiutare il micio a rilassarsi.

Viaggio in treno: Nei treni italiani il trasporto dei gatti è consentito e gratuito se chiusi nell’apposita gabbietta che non deve superare le dimensioni 70×30x50, ma se decidete di prendere un vagone letto o una cuccetta siete obbligati ad acquistarli per intero.

Viaggio in aereo: La condizione di viaggio dipende dalla compagnia con cui si viaggia, anche se generalmente tutte consentono la presenza di un animale di piccola taglia nel volo, chiuso sempre nell’apposito trasportino.

Se però state andando all’estero, dovete necessariamente informarvi sulle leggi che regolano l’ingresso di animali, se sono richiesti vaccini o certificati, o se sono previsti periodi di quarantena.

In Europa, è ormai obbligatiorio avere il passaporto degli animali sul quale il veterinario apporrà ventiquattro ore prima della partenza un timbro che certifichi la buona salute del gatto. Se la vostra destinazione è la Sardegna sappiate che è obbligatoria la vaccinazione per la rabbia.

Viaggio in nave: Anche in questo caso, le condizioni di viaggio variano a seconda della compagnia scelta per cui in alcuni casi si può avere nella propria cabina il proprio gatto, in altri devono essere lasciati in appositi spazi.

Cosa mettere in valigia:

1) Cibo e acqua che diventano indispensabili nei viaggi lunghi; il cibo preferibile è quello secco più pratico anche perché non sporca.

2) Lettiera e vaschetta. La lettiera è meglio che sia del tipo agglomerante. E’ indicato l’uso di sacchetti trasparenti da porre sul fondo della vaschetta e quindi ricoprire con la lettiera.

3) Giochi per distrarre il gatto.

#guideinfo

In Primo Piano
Post Recenti
Categorie
No tags yet.
Seguici su
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Google Classic