Perchè il cane sbadiglia?

TUTTO NASCE DA UNO SBADIGLIO, PERCHE?

Chi ha un cane lo sa: se sbadiglia, il suo amico a quattro zampe lo imita.

È chiamato "sbadiglio contagioso", è una cosa che succede anche a noi, se vediamo sbadigliare un amico, e i biologi evoluzionisti sostengono che sbadigliamo quando vediamo qualcuno farlo per un fenomeno di empatia.

A che cosa serve lo sbadiglio per il cane?

Gli studiosi hanno avanzato molte teorie sulla funzione dello sbadiglio nel cane, ma non si è ancora giunti a una conclusione univoca. Il cane può sbadigliare in diversi contesti e situazioni.

Per esempio, ritroviamo questo comportamento quando l’animale si stira.

Come per l’essere umano (e lo scimpanzé), anche per il cane lo sbadiglio è un comportamento empatico e di imitazione, ma in misura minore: noi sbadigliamo quando vediamo sbadigliare una persona, quando parliamo di sbadigli o li immaginiamo;

il cane talvolta sbadiglia anche quando osserva un altro cane fare la stessa cosa. In questo caso però si tratta di un’imitazione empatica più che di una forma di comunicazione.

Lo stesso non avviene se un cane vede un uomo sbadigliare.

Se prestate attenzione al comportamento del vostro cane, scoprirete che raramente sbadiglia nei momenti di attenzione e di vigilanza.

Al contrario, quando un cane è un po’ ansioso tende a sbadigliare. I segni di ansia canina, infatti sono il leccarsi le labbra, ansimare e sbadigliare.

In questi casi lo sbadiglio può essere visto come un sistema per cercare di tranquillizzarsi e trovare conforto.

Ritroviamo lo sbadiglio anche nella sintomatologia di alcune problematiche digestive come per esempio la nausea legata a un problema di mal d’auto (cinetosi). In questo caso possono essere presenti altri segni come una salivazione eccessiva, irrequietezza, deglutizioni frequenti, animazione.

Sbadigliare è quindi un comportamento che possiamo ritrovare in differenti situazioni e con diversi significati.

Come per qualsiasi altro comportamento messo in atto dal cane, la sua corretta interpretazione può essere fatta solamente prendendo in considerazione il contesto in cui l’animale manifesta quel determinato comportamento e l’insieme dei segnali posturali che lo accompagnano. (Fonte Focus.it)

#guideinfo

In Primo Piano
Post Recenti
Categorie
No tags yet.
Seguici su
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Google Classic