Ecco a voi il Progetto Coccole dedicato ai gatti meno fortunati

In Giappone si sono inventati i Neko Café (sale da té piene di mici, dove è possibile prendere un caffé elargendo carezze e grattini ai padroni-gatti di casa), ma anche non lontano da Torino, prima (e al momento unica) sede italiana di un cat-bar, le coccole sono protagoniste per una pet therapy a due binari che fa bene a chi fa e riceve tenerezze.

Siamo a Monza, precisamente al rifugio di via Sardegna gestito dall'associazione Gattolandia Onlus per la tutela del Gatto, dove è operativo il "Progetto Coccole".

Di cosa si tratta? In sostanza, il secondo e il quarto giovedì del mese, le porte del rifugio si aprono per delle vere e proprie lezioni di coccole e grattini. L'obiettivo dell'associazione è quello di favorire la socializzazione dei mici con un passato"difficile", in modo da farli abituare alla presenza dell'uomo e facilitarne l'adozione.

"A volte arrivano al nostro rifugio gatti provenienti da situazioni estremamente difficili, come animali impallinati o con gravi malattie, come la piccola Neve che aveva un tumore alle orecchie – spiega Manuela, una delle storiche volontarie dell'associazione -. A questi mici abbiamo dedicato una zona specifica della struttura, che abbiamo chiamato il Recinto Musino, che ospita gatti da un anno in avanti". Il "Progetto Coccole" è nato due anni fa e ha permesso a cinque ospiti del rifugio di iniziare una nuova vita. "Come associazione siamo organizzati in modo da coprire tutti i turni ma ci siamo resi conto che le necessità pratiche (pulizia cucce e lettiere, distribuzione pappe e controlli sanitari), ci impedivano di dare un adeguato tempo alle coccole – aggiunge Manuela -. Inoltre i mici interagivano inevitabilmente sempre con le stesse persone".

Così è nata l'idea del "Progetto Coccole". L'iniziativa è aperta a tutti (anche i più piccoli, purché accompagnati dai genitori), basta prenotarsi all'indirizzo progetto.coccole@gattolandia.org, per un massimo di dieci persone a serata (dalle 20 alle 22). Le due ore di coccole serali, sono costantemente monitorate dai volontari dell'associazione che portano giochi e leccornie per favorire l'apertura di un canale di comunicazione con i mici e raccontano la storia dei gatti ospitati nel recinto. "L'approccio comincia con giochi e cibo dato dalle mani – sottolineano dall'associazione – poi si passa a prendere il braccio i gatti, fino all'ultimo step: metterli nel trasportino senza suscitare in loro paura".

Ora l'obiettivo è andare avanti: "Vorremmo che il progetto fosse attivo una volta a settimana perché è un'occasione per aumentare il benessere emotivo dei mici, ma per farlo ci servono più volontari", dice Manuela. Insomma, potere alle coccole.

#gatto #gatti #cane #libertà #love #amore #gattogatti #pet #pets #petdog #pettherapy #petsandlove #petsandlove

In Primo Piano
Post Recenti
Categorie
No tags yet.
Seguici su
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Google Classic