Giudice annulla multa: giustificata corsa in auto per salvare il gatto


Era stato multato per eccesso di velocità perché stava correndo dal veterinario per cercare di salvare la vita al proprio gatto.

Il giudice di Pace ha deciso di accogliere il suo ricorso, e di annullare il verbale, perché se è vero che lo stato di necessità ad oggi riguarda solo le persone, è anche vero che la legislazione ormai considera gli animali domestici qualcosa di più di una “mera res”.

Il gatto non è una cosa o un mero bene di possesso e l’errore del proprietario, che ha superato i limiti di velocità, risulta “scusabile”.

La sentenza è stata resa nota da Confconsumatori Toscana.

Spiega l’associazione: “Con sentenza 249/15, il Giudice di Pace di Pisa ha accolto il ricorso avanzato dal proprietario di un gatto in grave pericolo di vita – e poi deceduto -, multato per eccesso di velocità durante il trasporto dell’animale presso un veterinario, nel tentativo estremo di salvargli la vita.

L’uomo, nell’impugnare la sanzione, aveva invocato lo stato di necessità, rappresentando come sul territorio non esistessero mezzi di soccorso da poter eventualmente chiamare per il trasporto d’urgenza del felino”.

Il Giudice di Pace di Pisa gli ha dato ragione e nell’annullare il verbale ha ammesso che “è vero che lo stato di necessità così come ritenuto dalla legge e dalle correnti giurisprudenziali richiede che il soggetto in pericolo imminente sia una persona fisica, mentre nel caso di specie il fatto concerne un animale”, ma anche, spingendosi oltre, che “la stessa legislazione penale ha visto in tempi recenti un inasprimento delle pene per i maltrattamenti di animali, manifestando quindi un’attenzione a considerare l’animale, soprattutto quello domestico, come qualcosa di più di una mera res, anche se certamente non può parlarsi dell’animale come di un soggetto portatore di diritti alla stregua dell’essere umano”.

Per il giudice dunque, sul piano psicologico, il cittadino poteva ritenersi legittimato a raggiungere l’ambulatorio del veterinario nel minor tempo possibile per salvare il proprio gatto e, si legge nella sentenza, “risulta pertanto scusabile l’errore da lui commesso nell’avere superato, peraltro in misura contenuta, i limiti di velocità” – il cittadino infatti andava a 64 km/h in un tratto stradale in cui il limite è di 50 km/h.

“Se pertanto poteva essere legittimo il comportamento dell’agente accertatore che, in mancanza di elementi immediati di verifica della situazione concreta, ha elevato il verbale di contestazione, tale provvedimento – prosegue la sentenza – deve essere oggi annullato, stante la mancanza dell’elemento soggettivo dell’illecito,risultando sussistente uno stato di necessità quantomeno putativo, e comunque scusabile l’errore commesso dall’odierno ricorrente”.

In relazione alla multa, il Giudice ha inoltre rilevato che nel caso di specie debba applicarsi il principio giurisprudenziale secondo cui “in tema di sanzioni amministrative, non è sufficiente che siano accertati gli estremi oggettivi della violazione, ma occorre altresì, per l’affermazione di responsabilità, che la condotta sia almeno colposa, e la colpa è esclusa quando, secondo il disposto del secondo comma dell’art. 3 L. 689/81, la violazione è commessa per errore sul fatto non determinato da colpa dell’agente” (Cass. sez. III, 12.5.2000, n. 6111).

Il ricorrente aveva invocato diversi precedenti a sostegno delle propria richiesta, fra cui la sentenza del Giudice di Pace di Chieti (26 maggio 2011, n. 369) che ravvisava lo stato di necessità per il trasporto di un animale in imminente pericolo di vita, e la sentenza (n. 1/2012) con cui il Giudice di Pace di Offida aveva accolto il ricorso promosso da un medico veterinario, multato per eccesso di velocità mentre, contattato da una cliente, si recava tempestivamente da lei per prestare soccorso al suo cane in imminente pericolo di vita, e in condizioni così gravi da non poter essere in alcun modo trasportato.

Secondo Confconsumatori si sta profilando un chiare mutamento di sensibilità anche da parte del legislatore sulle questiono che riguardano i diritti degli animali.

L’associazione sottolinea che la legge 14 agosto 1991, n. 281 (Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo), all’art. 1 (Principi generali) afferma: “Lo Stato promuove e disciplina la tutela degli animali di affezione, condanna gli atti di crudeltà contro di essi, i maltrattamenti ed il loro abbandono, al fine di favorire la corretta convivenza tra l’uomo e animale e di tutelare la salute pubblica e l’ambiente”.

E argomenta: “E allora, se la tutela degli animali di affezione è un principio affermato dallo Stato, può essere considerata una facoltà legittima quella esercitata da chi, per salvare il proprio animale da una situazione di pericolo imminente di vita, superi il limite di velocità per trasportare il predetto animale presso una clinica veterinaria. Anche la tutela della vita dell’animale, dunque, dovrebbe essere presa in considerazione ai fini del bilanciamento degli interessi in gioco”.

Una legge del 2010 (L. 29 luglio 2010, n. 120, all’art. 31, rubricato “Modifiche agli articoli 177 e 189 del decreto legislativo n. 285 del 1992, in materia di mezzi di soccorso per animali e di incidenti con danni ad animali”) ha inoltre affermato che il trasporto di un animale “in gravi condizioni di salute” può essere considerato effettuato “in stato di necessità” sussistendo le condizioni individuate da un emanando decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti (a tutt’oggi però non ancora emanato).

Per Confconsumatori si tratta con tutta evidenza di “notevoli passi in avanti verso una legislazione diretta a tutelare gli animali quali esseri “senzienti”, cioè capaci di provare gioia e dolore, in linea con i principi stabiliti nel Trattato dell’Unione Europea”.


In Primo Piano
Post Recenti
Categorie
No tags yet.
Seguici su
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Google Classic

© 2014 by Pets&Love

  • w-facebook
  • Twitter Clean
  • Tumblr Clean
  • Instagram Clean
  • Pinterest Clean
  • YouTube Clean